Nota biografica su Suor Veronica del SS. Sacramento

19. Epilogo

Il funerale, celebrato il 9 luglio del 1964 radunò una folla che non poté essere accolta nella chiesetta di S. Chiara. L’affetto per la piccola Monaca rimase vivo nella gente che l’avevano conosciuta e si trasmise a quanti poterono accostarla attraverso i profili biografici che negli anni sono stati prodotti. Il corpo di Suor Veronica, sepolto in un primo tempo nel cimitero della Certosa di Ferrara, fu riesumato e le ossa riposano ora nella Chiesa di S. Chiara. Tanti avevano avuto in lei una consigliera illuminata in vita. Molti di più in morte continuano a sentirla vicina, attribuendo a lei grazie e favori celesti. In particolare si moltiplicano i casi di maternità difficili risolti grazie alla sua intercessione, come pure i casi di bambini — da lei tanto amati — affidati alla sua efficace protezione. Moltissimi sono coloro che, senza apparire, visitando la sua tomba, le confidano le angustie del cuore e il desiderio di grazie. Negli anni, senza interruzione, si è levata la preghiera in ricordo della sua nascita al cielo e per chiedere al Signore che si compiaccia di mostrare la sua gloria anche nel riconoscimento delle virtù di Suor Veronica da parte della Chiesa.

In questi anni sono stati raccolti documenti e testimonianze sulla Serva di Dio Suor Veronica Teresa del SS. Sacramento, delle Cappuccine povere di S. Chiara, e sono apparse già tre biografie ad opera di Mons. Vittorio Felisatti, Mons. Tiberio Bergamini e P. Clemente da S. Maria; quest’ultima fu stesa su invito della M. Chiara Francesca e poté giovarsi della sua testimonianza diretta, benché non sempre essa appaia citata. È in corso la pubblicazione dei Quaderni autobiografici di Suor Veronica.

P. Daniele Libanori SI

Inizio pagina